Procedimento disciplinare: con condanna penale definitiva il termine per l’azione disciplinare decorre dalla conoscenza del dispositivo della sentenza.

procedimento disciplinare

Con la sentenza n. 5893/2021 il Consiglio di Stato ha affermato che “il termine previsto dall’art. 1392, comma 3, d.lgs. 15 marzo 2010, n. 66 per l’inizio dell’azione disciplinare a carico di un militare, conseguente ad un fatto di rilevanza penale, ha natura perentoria e, nel caso di sentenza della Corte di cassazione dichiarativa della […]

Carabiniere scagionato con sentenza di non luogo a procedere grazie alla attività difensiva messa a punto dallo Studio Legale Parente

Carabinieri

Carabiniere scagionato da un’accusa ingiusta relativa a fatti verificatisi durante il servizio. A seguito di un intervento richiesto da un anziano cittadino che lamentava la presenza di un estraneo in casa, due militari dell’Arma, verificato che il presunto intruso altri non era che l’immagine stessa del chiamante riflessa nello specchio, tentavano di calmarlo ed effettuavano […]

Procedura esecutiva irregolare, una vittoria dello Studio Legale Parente

procedure esecutive

Nell’espletamento di un mandato difensivo articolato lo Studio Legale Parente ha affrontato una procedura esecutiva avente ad oggetto non solo questioni civilistiche. Gli avvocati hanno affrontato ed approfondito, anche in termini investigativi, profili anomali rispetto al corretto adempimento dell’incarico del delegato alla vendita nominato dal Giudice. La procedura in materia esecutiva prevede l’indizione di incanti […]

Idoneità all’arruolamento Carabinieri. Consiglio di Stato: in assenza di deficit funzionali gli esiti di un intervento chirurgico non pregiudicano l’idoneità al servizio.

Idoneità all’arruolamento Carabinieri. Il Consiglio di Stato ha chiarito che gli esiti “stabilizzati e permanenti” di un pregresso intervento chirurgico sulla colonna vertebrale non sono motivo sufficiente per negare la idoneità all’arruolamento nell’Arma dei Carabinieri dopo quattro anni di servizio quale volontario in ferma prefissata. Il giovane ricorrente era stato escluso dal transito dall’Esercito all’Arma […]

Falso ideologico in atto pubblico. Poliziotto assolto perché il fatto non sussiste.

Falso ideologico in atto pubblico, reato previsto e punito dall’art. 479 c.p., non sussiste se l’attività svolta dall’imputato non sia da ritenersi attribuibile alle funzioni proprie del pubblico ufficiale. Un appartenente al Corpo di Polizia penitenziaria era stato rinviato a giudizio in quanto accusato di  aver attestato falsamente l’assenza di pendenze contabili relativamente alla gestione […]

Insubordinazione e violata consegna: il fatto non sussiste, militari assolti.

Insubordinazione e violata consegna. Il fatto non sussiste o è talmente lieve da non meritare attenzione. Il giudice dell’udienza preliminare del Tribunale Militare di Roma ha dichiarato di non dover procedere nei confronti degli imputati perchè il fatto non sussiste. Già in sede di udienza preliminare, grazie all’attività difensiva altamente specializzata relativamente a reati propri […]

Limiti del verbale della Pubblica Autorità nella determinazione dello stato di ebbrezza.

In seguito alla differenziazione del trattamento sanzionatorio, collegata al diverso tasso di concentrazione alcolemica, introdotta con il Decreto Legge 23 maggio 2008, n. 92, articolo 4, comma 1, convertito dalla Legge 24 luglio 2008, n. 125, nel caso in cui l'accertamento dello stato di ebbrezza avvenga in base a semplici elementi sintomatici, senza l'ausilio di […]

Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, II Sez. – 11.12.2007 – Ricorso n. 25575/04

La Corte Europea dei Diritti dell'Uomo, con la citata pronuncia, stabilisce l'illegittimità del comportamento della Suprema Corte di Cassazione, nella parte in cui, in sede di giudizio di legittimità, ha operato una riqualificazione giuridica del fatto. Nella fattispecie, infatti, non essendoci stata alcuna informativa all'imputato, si è così violato il suo diritto di difesa. Vi […]