Un giovane agente ha impugnato la graduatoria dell'interpello ordinario vantando il proprio diritto di precedenza poiché assiste due familiari con handicap grave. La sola notifica del ricorso ha indotto l'Amministrazione a disporre il trasferimento da Milano ad Agrigento.

Condividi questo articolo