Lo studio legale ha posto in essere tutta la procedura stragiudiziale necessaria affinchè i familiari superstiti di un lavoratore, deceduto per una malattia professionale riconosciuta post mortem, percepiscano, da parte dell'INAIL, la rendita vitalizia loro spettante.

Condividi questo articolo