L'illegittimità dell'atto è prova della colpa della P.A.

Consiglio di Stato – Decisione 17 luglio 2008, n. 3602.Con la sentenza n.3602/08 il Consiglio di Stato ha ribadito il principio secondo cui l'accertata illegittimità dell'atto ritenuto lesivo dell'interesse del ricorrente è l'indice (grave, preciso e concordante) della colpa dell'amministrazione (conseguenza altamente probabile della riscontrata illegittimità dell'atto. Ne consegue che il danneggiato ben può limitarsi […]

L'Amministrazione non può addurre a giustificazione del proprio inadempimento un fatto interno alla sua organizzazione al punto da farlo assurgere a causa di forza maggiore

T.A.R Campania, Sezione III, decisione 31 ottobre 2007 n. 10329.”L'articolo 2 della Legge 241/1990 ha fissato un principio generale secondo cui ove il procedimento consegue obbligatoriamente a un'istanza del privato ovvero debba essere inziato d'ufficio, la P.A. ha il dovere di concluderlo mediante l'adozione di un provvedimento espresso; l'amministrazione non può quindi addurre a giusitificazione […]

Nullo l'atto amministrativo adottato in ambiente collusivo penalmente rilevante

Consiglio di Stato – Sezione V- Decisione 20 novembre 2007 – 4 marzo 2008 n. 890.”La nullità dell'atto amministrativo non si riscontra solo nel caso di carenza di potere dell'amministrazione, ma anche nelle altre ipotesi previste dall'articolo 21 – septies della legge 7 agosto 1990 n. 241, tra le quali occorre comprendere anche la mancanza […]

Diritto di accesso: gli atti giudiziari restanto fuori dai documenti amministrativi

Consiglio di Stato, Sezione IV, decisione 19 febbraio-18 marzo 2008 n. 1363. “Le sentenze sono sottratte all'esercizio del diritto di accesso poichè non riconducibili nel novero dei documenti amministrativi, atteso che le stesse definiscono un processo e non già un procedimento”. Questo è il principio espresso dal Consiglio di Stato con la sentenza 1363 del […]

Nel trattamento economico dei giovani che espletano il servizio di leva nei Corpi di Polizia non possono corrispondersi voci accessorie diverse da quella menzionata dal comma 117 dell'art. 1 della Legge n. 662/1996

T.A.R. Lazio, sezione I-ter, sentenza del maggio 2008, n. 443.Nella sentenza si afferma che ai sensi dell'art. 1, comma 16 della Legge n. 662 del 1996 ; ai sensi del successivo comma 117, invece . Ebbene, tale quadro normativo, nella'avviso del Tribuanle del Lazio legitimerebbe l'esegesi che il Legislatore abbia inteso sostituire lo stipendio e […]

Non è illegittima la comunicazione di esclusione dalla prova concorsuale priva della indicazione del punteggio conseguito

T.A.R. Lazio, Sezione II, sentenza del 23 giugno 2008 n.6088.Con la sentenza n. 6088 del 23 giugno 2008, il T.A.R. Lazio ha precisato che la mancata menzione dei punteggi conseguiti nelle prove concorsuali costituisce una mera irregolarità dell'atto di comunicazione, inidonea ad inficiare la legittimità del giudizio negativo, purchè sia indubbia la provenienza della comunicazione […]

Il T.A.R annulla decreto ministeriale diniego trasferimento ex lege 104/1992.

Il T.A.R. Lazio con sentenza n. 315/06 ha accolto il ricorso con cui un Agente Scelto di P.P. aveva presentato domanda di trasferimento da Cremona a Napoli per assistere lo zio handicappato. L'amministrazione aveva negato il trasferimento in quanto “l'oggetiva lontananza che intercorre tra la sede di servizio e il domicilio del disabile è considerata […]