Un giovane V.F.B. si è rivolto allo studio legale Parente lamentando di essere stato escluso da un concorso indetto per l'arruolamento nella Polizia Penitenziaria. Esso, infatti, era riservato ai soli V.F.P.1 e V.F.P.4. Il T.A.R. Lazio, però, ha accolto la sospensiva richiesta dallo studio legale Parente, consentendogli la partecipazione.

Condividi questo articolo