Il TAR Lazio – Sezione I Quater, con ordinanza depositata il 4.7.2009, ha accolto l'istanza cautelare avanzata dallo studio legale su ricorso depositato nel giugno 2007 con cui si impugnava il diniego al trasferimento emesso dal DAP per “carenza di posti liberi in organico nelle sedi richieste”. L'ordinanza così dispone: “(…) considerato che dalla nota dell'Ufficio Relazioni Sindacali n… del… risultavano: un posto a Taranto per la mobiltà 2009; due posti a Lecce da mettere ad interpello per “eventuale copertura in relazione alla disponibilità di nuove risorse, compatibilemtne con le esigenze di servizio”; considerato pertanto che il diniego di trasferimento impugnato con i secondi motivi aggiunti fonda su una assoluta indisponibilità di posti la quale, per le sedi richieste dal ricorrente non risulta, P.Q.M. il Tribunale Amministrativo Regionale accoglie l'istanza cautelare”.

Condividi questo articolo