Lo Studio Legale Parente ha assistito con successo un Maresciallo dell'Esercito Italiano nella procedura volta al riconoscimento della pensione privilegiata ordinaria per infermità contratte a seguito del servizio svolto in teatri di guerra, ovvero aree geografiche a c.d. rischio ambientale. I professionisti dello Studio, da anni impegnati nel settore del pubblico impiego militare, avvalendosi di un'equipe composta da periti esperti in armi ed esplosivi nonchè di professori universitari pionieri della scienza delle nanoparticelle, hanno svolto indagini, sopralluoghi e raccolto prove al fine di sostenere la sussistenza del rapporto di causalità tra l'attività di servizio svolta dal Maresciallo nei territori della Ex Iugoslavia -dove il medesimo è stato condotto in missione tra gli anni 1996 e 2000- e la patologia di natura tumorale contratta. L'attività professionale si è spiegata dalla presentazione delle formali istanze presso le competenti Direzioni del Ministero della Difesa all'impugnativa, davanti alla Corte dei Conti, del provvedimento provvisorio di riconoscimento della pensione privilegiata emesso dalla P.A. in violazione della normativa di settore.

Condividi questo articolo