Il TAR Lazio ha riconosciuto il diritto del ricorrente ad accedere ai documenti richiesti in quanto è evidente la sussistenza di un interesse diretto e strettamente correlato alla documentazione indicata nella domanda di accesso agli atti in ordine alla conoscenza di atti e provvedimenti finalizzati a ponderare e verificare la sussistenza di profili di illegittimità in ordine all'agire dell'Amministrazione ministeriale sull'istanza del ricorrente medesimo a conseguire, ex lege n. 104 del 1992, il trasferimento di sede per poter assistere un familiare affetto da patologia invalidante. Per l'effetto di tale pronuncia l'interessato è stato trasferito da Torino a Matera.

Condividi questo articolo