Una serie di rilevanti pronunce su ricorsi portati avanti dallo studio legale Parente hanno consentito ad alcuni giovani che avevano superato i 28 anni di partecipare al concorso per l'arruolamento nella Polizia Penitenziaria. Chi ha svolto il servizio militare volontario, infatti, ha il diritto all'innalzamento del limite di età.Il bando di concorso è stato pertanto in parte annullato dal T.A.R.

Condividi questo articolo