Consiglio di Stato, Sez. V, 19 gennaio 2009 n. 223.Il giudice di merito, in mancanza di un divieto di legge, può utilizzare anche prove raccolte in un giudizio diverso fra le stesse o altre parti, compresa la consulenza tecinca ammessa ed espletata in diverso procedimento, valutandone liberamente gli accertamenti e i suggerimenti una volta che la relativa relazione peritale sia stata ritualemnte prodotta dalla parte interessata.

Condividi questo articolo