Importante vittoria dello Studio Legale Parente nei confronti del Ministero della Giustizia. L.D.M. era stato escluso anni or sono dall'arruolamento nella Polizia Penitenziaria per deficit staturale. Era riuscito, tuttavia, ad ottenere dal T.A.R. la riammissione al concorso, dimostrando l'errore diagnostico. Ciò aveva comportato la perdita di svariati mesi di servizio. Il Ministero, però, si era rifiutato sia di retrodatare il decreto di inquadramento alla data dell'illegittima esclusione, sia di riconoscergli i danni. Con la recentissima sentenza del T.A.R., finalmente, egli avrà diritto non solo alla ricostruzione della carriera, ma anche al risarcimento dei danni patrimoniali, commisurati al 50% della retribuzione che avrebbe avuto titolo a percepire nella Polizia Penitenziaria.

Condividi questo articolo