Dopo una battaglia giudiziaria durata circa tredici anni, P.A. ha visto riconosciuto il suo diritto all'elevazione del limite di età per un periodo pari all'effettivo servizio militare prestato come volontario.A causa dell'erronea determinazione con cui P.A. era stato escluso dall'arruolamento per aver superato gli anni 28, come previsto dal bando di concorso, il Ministero è stato condannato al pagamento delle spese di giudizio.

Condividi questo articolo