Lo scorso 6 giugno 2012, il giudice amministrativo ha condannato il Ministero della Giustizia a risarcire un Poliziotto Penitenziario per i danni causati dal ritardo nella assunzione e a riconoscergli la medesima decorrenza giuridica attribuita ai colleghi nominati tempestivamente con la medesima procedura copncorsuale. In tale occasione il Ministero è stato altresì condannato al pagamento delle spese di giudizio, quantificate in € 5.000,00

Condividi questo articolo