Il Tribunale amministrativo del Lazio ha annullato il provvedimento con cui il Ministero della Giustizia ha rigettato l'istanza di trasferimento ex art. 33, comma 4, l. 104/1992 avanzata da un Agente di P.P. impegnato ad assistere il padre handicappato. Il giudice ha riconosciuto la illegittimità del diniego in quanto “ai fini della concessione del beneficio previsto dalla norma in esame mom è più necessario il requisito della continuità dell'assistenza”.

Condividi questo articolo