Un alto ufficiale a cui era stata negata la legittima progressione nel grado si è visto riconoscere quanto dovuto a seguito della presentazione di ricorso al TAR.

Condividi questo articolo