Trasferimento sede

Ricostruzione carriera: rappresentato ottiene risarcimento

Ricostruzione carriera: rappresentato dallo Studio Legale Parente ottiene risarcimento a seguito di ritardato arruolamento per illegittima esclusione dal concorso per volontario in ferma prefissata (VFP4).

Il TAR Lazio ha accolto il ricorso e ha deciso a favore del risarcimento del rappresentato.

Quest’ultimo aveva finalmente avuto accesso all’arruolamento solo con provvedimento del gennaio 2017, tre anni dopo il concorso, senza però vedersi riconosciuto il risarcimento del danno economico.

La sentenza decide quindi per la ricostruzione di carriera, riconoscendo al rappresentato il 50% della retribuzione che avrebbe percepito dall’originaria assunzione in servizio.

Sulla somma quantificata devono inoltre essere computati sia la rivalutazione monetaria sia gli interessi legali.

Non è la prima volta che i rappresentati dello Studio Legale Parente ottengono il riconoscimento patrimoniale loro spettante a seguito di illegittimità dell’Amministrazione.

Condividi questo articolo